Festa di San Giuseppe 2014

Vota questo articolo
(2 Voti)

A San Marzano di S. Giuseppe si rinnova l'omggio al Santo Patrono.“Egli è Custode perché ascolta Dio, si lascia guidare dalla Sua volontà, sensibile alle persone che Gli sono affidate”. Con Queste parole pronunciate dal Santo Padre nella omelia della Santa Messa di inizio Pontificato, non a caso il 19 Marzo 2013, il Parroco Don Cosimo Rodia ha voluto introdurre i festeggiamenti in onore del Santo Patrono a San Marzano.  Come di consueto anche per il 2014 San Marzano si veste di tradizione, devozione e pietà popolare. E con la perfetta sinergia e “attività collaborativa” che la Parrocchia San Carlo Borromeo, insieme a Comitato Festa “San Giuseppe” e Amministrazione Comunale, ha stilato il programma dei festeggiamenti per il 18 e 19 Marzo prossimo.

La tradizione che giunge quest’anno al suo 148° anniversario si rinnova esattamente in ogni sua forma: si è svolta il 1 Marzo la processione di intronizzazione dell’antica statua di San Giuseppe in Parrocchia; prosegue con i due giorni emblematici e si concluderà Domenica 30 Marzo con la processione di traslazione della statua del Santo dalla Parrocchia all’Istituto delle Suore in via De Gasperi, dov’è perennemente custodita. Le due Giornate del 18 e del 19 sono state organizzate secondo i riti che principalmente le caratterizzano: la benedizione del pane, nonché la processione della legna e il grande Falò il 18 Marzo; la benedizione delle “mattre” e la Processione per le vie del Paese il 19.

In maniera più dettagliata giorno 18 Marzo alle ore 10:00 sul sagrato della Chiesa Madre si terrà la benedizione del pane, fatto da un numero sempre più consistente di fedeli che dalle prime ore del mattino si riuniscono nelle case dove ancora oggi molti hanno un forno a legna per preparare il pane da distribuire dopo la benedizione. Nel pomeriggio alle ore 15:00, dopo la consegna delle chiavi della città da parte del Sindaco a San Giuseppe,  si terrà la processione dei devoti e dei carri trainati da cavalli con la legna, principalmente di ulivo, raccolta nei giorni precedenti la festa, quasi a rievocare il memorabile nubifragio che si abbatté sulla popolazione e sulle campagne sammarzanesi nella notte del 17 Marzo del 1966,  distruggendo numerosi alberi e causando diversi danni alla vegetazione. Presi da un forte senso di agitazione, gli abitanti di allora, contrariamente a quanto deciso prima, si adoperarono per raccogliere tutti i tronchi e rami degli alberi divelti e organizzarono l’enorme falò.

Falò che anche quest’anno a termine della processione verrà acceso verso le 19:30 in contrada Principe- circonv.ne per Francavilla Fontana. Giorno 19 invece, alle ore 11:00 il Parroco don Cosimo Rodia celebrerà la Santa Messa Solenne. Al termine i fedeli, le due Confraternite del SS. Sacramento e del S. Rosario accompagneranno la Statua di San Giuseppe in processione lungo la piazza e la Chiesa parrocchiale dove saranno allestite le “Mattre” o dette comunemente “tavole dei poveri”. Imbandite di varie pietanze ma principalmente di piatti semplici e di derivazione contadina, sono preparati con cura dalle donne del paese, orgogliosamente avvolti da candide tovaglie bianche ricamate a mano.

Al pomeriggio la processione per le vie del paese alle ore 16:00. “Abbiamo cercato di mantenere il carattere sobrio ed elegante della festa pur tenendo presente una flessione economica”- commenta il responsabile delegato per i festeggiamenti De Cataldo. “la crisi che sta interessando il nostro Paese e quindi anche la nostra comunità ci ha indotto a “limare” alcuni aspetti : quest’anno solo due complessi bandistici, a differenza dei tre degli anni precedenti,  saranno presenti nei due giorni di festa: il complesso bandistico “Città di San Marzano” diretto dal Maestro Cellamara e il Grandioso Complesso musicale “Città di Conversano” del Maestro Cammarano.  Le coreografie delle luminarie vengono riconfermate ormai da anni alla ditta Perrotta di Squinzano (LE) mentre a dare vita a dei magici spettacoli pirotecnici ci penseranno la ditta “La Pirotecnica Salentina” dei f.lli d’Oronzo di Guagnano (LE) che si occuperà dell’accensione del Falò; e la ditta “Bruscella Fireworks” di Michele Bruscella che nella serata del 19 Marzo alle ore 20:00 illuminerà il cielo di San Marzano con il suo immancabile Spettacolo piromusicale.

Nonostante i diversi problemi che interessano questo Comune,il Sindaco nella persona di Giuseppe Tarantino e  l’Amministrazione Comunale come sempre farà la sua parte, per il bene dei cittadini e della comunità intera. Non resta solo che aspettare qualche giorno ancora, anche se a San Marzano ormai l’aria di festa circola in ogni abitazione, dove tutti quanti, in varie forme e modi, si accingono a preparare ogni cosa nei minimi particolari, mostrando l’entusiasmo che li contraddistingue,  l’interesse di sempre e la costante devozione verso San Giuseppe, quasi come a custodire “gelosamente” l’ unicità del Suo Protettorato nei confronti di San Marzano.