Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Med Festival

  • Contest Musica al Med
    La Pro Loco Marciana, in collaborazione con i suoi Media Partner, bandisce il 1° Contest a premi “Musica al Med”, aperto a tutti i cantautori di musiche E canzoni, che…
    Leggi tutto...

Info territorio

  • Origine del toponimo
    Le prime forme di insediamento nel territorio di San Marzano risalgono al II-I sec. a.C. , in particolare nella zona…
  • Palazzo Casalini
    L’ area sula quale è ubicato l’ attuale Palazzo Marchesale, secondo il Farella, in origine era il Castrum Carrellum (…
  • Chiesa San Carlo Borromeo
    L'attuale chiesa è stata edificata probabilmente nel XVIII e venne dedicata a San Carlo Borromeo in segno di grande devozione…
  • Festeggiamenti 50 anni ordinazione Don Franco Venneri
    La parrocchia San Carlo Borromeo di San Marzano di S.G. festeggia il suo storico parroco, don Franco Venneri, nel 50°…

Premio leggere lib(e)ri

Comignoli arbereshe

Vota questo articolo
(1 Vota)

Le abitazioni arbëreshë hanno una pianta quadrangolare irregolare con la volta a crociera, sono semplici e rispetto alle abitazioni dei paesi limitrofi, presentano nella struttura esterna degli elementi architettonici  che le caratterizzano inequivocabilmente: i comignoli,

ovvero appendici che servono a convogliare i fumi di scarico del caminetto interno o del forno. Tali costruzioni sono dei segni originali ed rappresentano una tipica matrice orientaleggiante delle popolazioni arbereshe. Il comignolo che di solito in proporzione è molto piccolo rispetto alle dimensioni della casa, nelle abitazioni arbereshe spicca per la sua sovradimensione, sia per le dimensioni dell’altezza che larghezza. La motivazione della sovradimensione è da ricercare non tanto nella possibilità di permettere una corretta emissione del fumo ma piuttosto al significato e alla simbologia antropologica ed apotropaica che veniva data al camino: già esso nella cultura popolare era segno di familiarità, e come sappiamo nei latini, all’interno del contesto domestico, il focolare rappresentava il centro della vita, dell’unità e della continuità familiare, nonché luogo deputato al culto del Lari.  Deriva sicuramente da culti pagani l’ usanza da parte degli arbereshe, di scolpire sui lati e alle basi dei comignoli, bassorilievi (soprattutto figure antropomorfe), figure che sono ancor’oggi parzialmente visibili sui pochi comignoli ancor oggi esistenti. Tale è il comignolo di strettola d’ Angela. Piccoli bassorilievi venivano scolpiti anche sulle facciate modeste delle abitazioni: si possono ancora osservare pochi cornicioni e balconi con le effigi dei pani, delle stelle, di motivi floreali e maschere di fattura arberesh come in via Castriota.