Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Med Festival

  • Contest Musica al Med
    La Pro Loco Marciana, in collaborazione con i suoi Media Partner, bandisce il 1° Contest a premi “Musica al Med”, aperto a tutti i cantautori di musiche E canzoni, che…
    Leggi tutto...

Info territorio

  • Lo stemma civico
    Negli anni della dittatura fascista, gran parte dei comuni della nazione vennero sollecitati dal governo centrale a rettificare i propri…
  • Il paesaggio di San Marzano
    In origine il territorio del comune di San Marzano costituiva il limite occidentale della Foresta Oritana ( ager uritanus) che…
  • Festeggiamenti 50 anni ordinazione Don Franco Venneri
    La parrocchia San Carlo Borromeo di San Marzano di S.G. festeggia il suo storico parroco, don Franco Venneri, nel 50°…
  • Itinerario Cantagallo
    SAN PIETRO E IL CANTO DEL GALLO La tradizione popolare racconta di questa parte del territorio ricco di pietre, da…

Premio leggere lib(e)ri

Comignoli arbereshe

Vota questo articolo
(1 Vota)

Le abitazioni arbëreshë hanno una pianta quadrangolare irregolare con la volta a crociera, sono semplici e rispetto alle abitazioni dei paesi limitrofi, presentano nella struttura esterna degli elementi architettonici  che le caratterizzano inequivocabilmente: i comignoli,

ovvero appendici che servono a convogliare i fumi di scarico del caminetto interno o del forno. Tali costruzioni sono dei segni originali ed rappresentano una tipica matrice orientaleggiante delle popolazioni arbereshe. Il comignolo che di solito in proporzione è molto piccolo rispetto alle dimensioni della casa, nelle abitazioni arbereshe spicca per la sua sovradimensione, sia per le dimensioni dell’altezza che larghezza. La motivazione della sovradimensione è da ricercare non tanto nella possibilità di permettere una corretta emissione del fumo ma piuttosto al significato e alla simbologia antropologica ed apotropaica che veniva data al camino: già esso nella cultura popolare era segno di familiarità, e come sappiamo nei latini, all’interno del contesto domestico, il focolare rappresentava il centro della vita, dell’unità e della continuità familiare, nonché luogo deputato al culto del Lari.  Deriva sicuramente da culti pagani l’ usanza da parte degli arbereshe, di scolpire sui lati e alle basi dei comignoli, bassorilievi (soprattutto figure antropomorfe), figure che sono ancor’oggi parzialmente visibili sui pochi comignoli ancor oggi esistenti. Tale è il comignolo di strettola d’ Angela. Piccoli bassorilievi venivano scolpiti anche sulle facciate modeste delle abitazioni: si possono ancora osservare pochi cornicioni e balconi con le effigi dei pani, delle stelle, di motivi floreali e maschere di fattura arberesh come in via Castriota.