Med Festival

Info Arbereshe

  • Pubblicazione minoranze linguistiche
    Il prossimo 19 Novembre 2014, la Provincia di Foggia, quella di Taranto e l’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina invitano…
  • Le minoranze Arbereshe
    La minoranza linguistica albanese è riconosciuta e tutelata dalla Legge 482 della Repubblica Italiana. Si tratta di una variante linguistica…
  • Quando la scuola cambia
    Il maestro Carmine De Padova, a cui San Marzano diede i natali nel lontano 1928, una volta laureatosi in pedagogia,…
  • Studi e approfondimenti Arbereshe
    La Pro Loco Marciana da diverso tempo è fortemente impegnate nel costante tentativo di recuperare e valorizzare la memoria storica…
  • Usanze e costumi Arbereshe
    La Proloco Marciana si è sempre prodigata nel recupero delle tradizioni, nella promozione e nella salvaguardia del patrimonio culturale del…

Canto di Natale: Burra e Grà

Vota questo articolo
(0 Voti)

CANTO DI NATALE :  BURRA E GRA’

Burra e gra’ bëni harè
Se zöti Krishti ka ler ndèr ne;
ka ler si sonte miesënat
se për ne kat keti pietat

Flëj oj bir, jeta imë
Flëj oj bir ndër zëmra imë
Shpirti Shëit ejia me qillò
Flëjoj bir e bën nin oh!

Të vien gjum parraisi imë
Ng kam shtrat trëzuri imë
Gljart zëmra eja mu stro
Flëj oj bir e bën nin oh!

C’ ësht e miri këço kat
Këço nat se bën drit
Mâ se dielli miesëdit.

Mir se erdh ki Regji ri,
mir se redh me gjith ghjirì
mir se erdh se t’ na salvonj
gjith jetën aj t’ bekonj.


 

Traduzione dall' arbershe in italiano:

UOMINI E DONNE

Uomini e donne esultate
Perché Gesù Cristo è nato tra noi;
è nato come questa sera a mezzanotte
perché di noi abbia pietà.

Dormi o Figlio, anima mia,
dormi o figlio sul mio cuore;
Spirito santo vieni dal cielo
Dormi o figlio e fa ninna nanna.

Tu hai sonno, Paradiso mio,
io non ho letto, Tesoro mio;
sul mio cuore vieni ad adagiarti,
dormi o Figlio e fa la ninna nanna.

Quanto è bella questa notte!
Questa notte senza peccati.
Questa notte che fa sì luce
Più del sole di mezzogiorno.

Benvenuto o Re dei re,
benvenuto con tutti i suoi angeli
benvenuto perché ci deve salvare
e tutti noi benedire

1973. Carmine De Padova

Letto 2239 volte