Med Festival

  • Contest Musica al Med
    La Pro Loco Marciana, in collaborazione con i suoi Media Partner, bandisce il 1° Contest a premi “Musica al Med”, aperto a tutti i cantautori di musiche E canzoni, che…
    Leggi tutto...

Info Arbereshe

  • Canto di Natale: Burra e Grà
    CANTO DI NATALE : BURRA E GRA’ Burra e gra’ bëni harèSe zöti Krishti ka ler ndèr ne;ka ler si…
  • Pubblicazione minoranze linguistiche
    Il prossimo 19 Novembre 2014, la Provincia di Foggia, quella di Taranto e l’Unione dei Comuni della Grecìa Salentina invitano…
  • Le minoranze Arbereshe
    La minoranza linguistica albanese è riconosciuta e tutelata dalla Legge 482 della Repubblica Italiana. Si tratta di una variante linguistica…
  • Canto popolare: Hana e Re
    HÄNA E RE Häna e re,häna e re,çe me jepenji thembi i rise une te japenji thembi i vjeter? traduzione…
  • Studi e approfondimenti Arbereshe
    La Pro Loco Marciana da diverso tempo è fortemente impegnate nel costante tentativo di recuperare e valorizzare la memoria storica…

Stava na vota...Sammarzanu

Vota questo articolo
(3 Voti)

Stava na vota…. Nu ciucciù e na malota,
ca facivunu, vota vota, vota vota, vota vota,
c’è ‘t lu contu ‘notra vota?
( lo si diceva canzonando i bambini, per prenderli in giro, oppure per perdere tempo come preambolo all’inizio di una  storiella. Mah! Adesso ve ne racconto una vera!)
Stava na vota…stava nu paisi… mà nu paisi fattù ‘p v’te!
Na chiccra, nu culu ‘t b’cchier,
p’zzent sì, ca no ‘tnia na lira,
però t’nia na terra profumata…
ca ardurava ‘t saramient, ‘t auli e ‘t pampn ‘t vigna
sopra a curu muntettù e nu cielu ‘t stell brillant
ca non’c ste notru mègghiu allu munnu.

Abbasciu alla N’vera tuttu nu sciardìnu
T’alb’r vierdi e fiur colorat,
cu tre quattru casodd e nu villon a miezzu com pecur spatriat.
Vita senza p’nsier, scu’scitata
p’rcè ‘n ‘ncuntentammù ‘t lu nient:
la giacca arr’vutata ‘t lu tata, San g’seppu e lu fuccarazzu  cu la stroma,
li mattr miezzu alla ‘chiazza, la pruc’ssion,
alla ‘ppiet a Santu Cosmu ‘t li macchie, o sopra lu trainu cu l’organettu,
 e turnammu cu li cap’sciol.
 La v‘negna ca ardurava ‘p li strat e li muscaredd v’cinu a li palumient.
li pettul, li purci’duzz cu lu mel, li past rizz ‘t mennul e li fucazziedd.

Genti senza malizia, alla ‘bbona:
Girù lapon, peppu t li fogghi’, mamon e sci’gghion,
cunc’ttina miezzu a la ‘chiazza, buttazza e paziu ca tava lu bannu
tor ‘t li gelat, ……
vecchi allu friscu cu la s’ggitedda, vagnuni ca sciucavunu a fuci-fuci
e femmn ca truzzul’sciavunu miezzzu alla strata.
Quir tiemp, com parunù luntan, lu cori mia ‘nc penza, s’rvota.
N’otru munnu, n’otra vita, otr cr’stian.
Sammarzanu mia non’c ste cchiù!....stava na vota.

Antonio Di Nunzio

Letto 2144 volte