Narrativa ragazzi

  • Divergent
    Divergent Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i…
  • Mille splendidi soli
    Mille splendidi soli A quindici anni, Mariam non è mai stata a Herat. Dalla sua kolba di legno in cima alla collina, osserva i minareti in lontananza e attende con ansia l’arrivo del…
  • Harry Potter e i doni della morte
    Harry Potter e i doni della morte "Mi apro alla chiusura": è uno dei tanti enigmi lasciati da Silente con cui Harry Potter deve confrontarsi in questo ultimo, settimo libro. E la saga stessa, giunta alla sua…
  • La porta della libertà
    La porta della libertà Può una rete dividere il mondo in due? Da un lato la guerra, dall'altro la pace. Di qua miseria, dolore e paura, di là un sogno e la libertà. In…

Ultimi arrivi

  • Il giardino dell' anima
    Il giardino dell' anima Domenica 15 Gennaio la Pro Loco Marciana, nell' ambito delle attività di promozione culturale della Biblioteca Comunale gestita dai soci volontari della stessa, presenterà il libro " Il giardino dell'…
  • Football Club Ilva
    Football Club Ilva La Pro Loco Marciana presenta giovedi 10 novembre alle ore 19.30, presso la Biblioteca comunale di San Marzano di San Giuseppe (TA), il nuovo romanzo di Fulvio Colucci “Ilva Footbal…
  • L'ultima estate dell'Europa
    L'ultima estate dell'Europa Per la maggior parte degli europei, la primavera del 1914 - al culmine della Belle Epoque - fu una stagione meravigliosa, spensierata e piena di speranze. Dietro le quinte, tuttavia,…
  • Il caso degli Italo-albanesi del Madison-Wisconsin 1892-1943
    Il caso degli Italo-albanesi del Madison-Wisconsin 1892-1943 Dall'arrivo degli esuli albanesi a Solunto, a fine Quattrocento, alla partenza degli emigranti per gli Stati Uniti, a inizi Novecento; dai Fasci siciliani all'Italian Workmen's Club; dal dottor Nicolò Barbato…
  • Il gioco di Ripper
    Il gioco di Ripper Per Amanda e i suoi amici Ripper era solo un gioco. Ma quando San Francisco è scossa da una serie di misteriosi omicidi, Amanda sembra l’unica in grado di risolvere…
  • Il nostro Sic
    Il nostro Sic C’era una volta, tra la spiaggia con gli ombrelloni e la campagna dove si può imparare a guidare il trattore, un’officina piena di attrezzi e un pugno di bambini a…

Emilio Piccione presenta : Albania Salentina a San Marzano

Vota questo articolo
(1 Vota)

L’amore per le proprie origini, passione e quindi emozioni assicurate. Questi gli ingredienti principali che caratterizzeranno la presentazione del volume “L’Albania Salentina San Marzano do San Giuseppe” redatto dal giovane studente sanmarzanese Emilio Piccione. Il volume è la pubblicazione della tesi di laurea stilata dallo studente modello che ha messo in evidenza l’attaccamento alla propria cultura. La presentazione del volume curata dalla Pro Loco Marciana con il patrocino del Comune di San Marzano e la collaborazione del “Il salentino editore”, si terrà domenica 20 gennaio ore 19.00 presso la sala convegni del  Palazzo della Cultura di San Marzano.

L’incontro con il giovane autore Emilio Piccione sarà coordinato e moderato dal brillante ed energico Gregorio Talò. Sono previsti i  saluti del Sindaco di San Marzano Giuseppe Borsci e del presidente della Pro Loco Marciana Jenny Sapio. Interverranno la Dott.ssa Marisa Margherita responsabile dello sportello linguistico di San Marzano  finanziato dalla legge 482 con  il fine di recuperare e salvaguardare la cultura arbereshe; il prof. Giuseppe Gallo, esperto conoscitore della lingua arbereshe in San Marzano e  autore di diversi volumi; la prof.ssa Vincenza Musardo Talò  presidente del Centro ricerche e Catalogazione dei beni culturali della puglia e autrici di diversi volumi sulla storia e cultura di San Marzano.

Entusiasmo è stato espresso dal giocane autore Emilio Piccione:

<< L'esigenza che mi ha mosso verso lo studio delle tradizioni  antropologico-culturali "particolarissime" del mio paese, non è del tutto improvvisa. Non è un impeto illusorio, è più il risultato di una ricerca iniziata in primissima età. Lo stupore provocatomi dalla tradizione arbereshe è bene radicato nella mia persona. Sono cresciuto in continuo conflitto con la lingua arbershe: da una parte c'è sempre stato l'orgoglio di appartenere ad un mondo culturale altro, dall'altra c'è stata la rabbia per l'incapacità di non potersi esprimere con questa "vergognosa" lingua (perché non insegnatami). Si, parlo di vergogna perchè, seconda solo all'ignoranza, è stata una delle cause per cui San Marzano sta perdendo il suo ultimo tratto arberesh. Da vero sammarzanese, ho cercato di riscoprire brevemente la storia e le tradizioni della mia isola culturale, in rapporto con il mondo italo-albanese e quello salentino; tutto è stato finalizzato alla scoperta delle caratteristiche che meglio tratteggiano il profilo identitario di S. Marzano. La lingua è il centro della ricerca, senza di essa il lavoro non sarebbe neppure iniziato.>>. L’opera del giovane autore Emilio Piccione garantisce senza ombra di dubbio l’arricchimento del patrimonio culturale sanmarzanese.

Cataldo Capuzzimati

 

 

Letto 2158 volte