Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

Premio leggere lib(e)ri

Mostra "Fotografare gli autori"

Vota questo articolo
(0 Voti)

Un viaggio all’insegna della scoperta di luoghi sconosciuti, volti, espressioni, fatti quotidiani e tante altre emozioni che certamente riuscirà a trasmettere l’originale mostra fotografica: “Fotografare gli autori”. Il lavoro fotografico è stata realizzato dal prof. Emanuele Franco, appassionato di fotografia e promotore di diversi progetti e dagli alunni dell’ I.I.S.S. Enaudi di Manduria : Paola Biasi, Mattia Caraccio, Hemily D’ Ippolito, Rebecca Desantis,Valerio Filograno,Ilaria Lombardi,Chiara Lorenzo e Antonio Natale.

La Mostra sarà allestita presso la sala convegni del Palazzo della Cultura di San Marzano di San Giuseppe con la collaborazione della Pro Loco Marciana , Biblioteca Comunale e il patrocinio del Comune . La cerimonia d’apertura  è prevista per domenica 3 febbraio 2013 alle ore 18.30  nel corso della quale interverranno: il sindaco di San Marzano prof. Giuseppe Borsci cha aprirà i lavori con il suo saluto, seguiranno gli interventi del dirigente scolastico I.I.S.S. Enaudi di Manduria dott.ssa Elena Silvana Cavallo, dell’ex dirigente scolastico I.I.S.S. Enaudi di Mandria, del Prof Emanuele Franco e degli alunni. La lettura dei testi sarà a cura di Teresa De Nunzio. Il lavoro curato nei minimi dettagli dal prof. Franco consiste in un progetto articolato su 15 incontri in aula e fuori, ha previsto una prima fase in cui i partecipanti hanno appreso i fondamenti della tecnica fotografica; in seguito si sono affrontati i concetti di estetica e senso in fotografia per riuscire a esprimersi consapevolmente attraverso un linguaggio alternativo alla parola. Successivamente si è passati alla lettura di testi (prose, poesie, canzoni) compiuta in maniera “profonda”, per abituarsi alla ricerca dei messaggi che spesso ci celano sotto la superficie e vanno al di là del senso letterale. La sfida finale consisteva nel tradurre dal linguaggio verbale in quello delle immagini il senso che ciascuno studente ha tratto da un testo a sua scelta, dimostrando di saper utilizzare gli strumenti espressivi della fotografia quale esito di una appropriata ricerca concettuale. I risultati dimostrano lo sforzo di analisi e, soprattutto, l’impiego consapevole delle immagini per “dire” qualcosa, rivelando la differenza che c’è tra una “bella” foto, rispondente a un generico canone estetico medio, e una “buona” foto che invece sa esprimere e assume, così, la forma di comunicazione intenzionale. L’originalità del progetto certamente entusiasmerà i numerosi visitarori e appassionati di fotografia e rappresenta un importante elemento per l’arrichimento del partrmonio culturale.

Cataldo Capuzzimati

Letto 11060 volte