Med Festival

Info Arbereshe

  • Premio Nazionale Salva la tua lingua
    In occasione della Giornata Internazionale della Lingua Madre, indetta dall’UNESCO il 21 febbraio di quest’anno, l’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia…
  • Canto di Natale: Burra e Grà
    CANTO DI NATALE : BURRA E GRA’ Burra e gra’ bëni harèSe zöti Krishti ka ler ndèr ne;ka ler si…
  • Le minoranze Arbereshe
    La minoranza linguistica albanese è riconosciuta e tutelata dalla Legge 482 della Repubblica Italiana. Si tratta di una variante linguistica…
  • Canto popolare: Lule
    LULE Kinjia nji luleMbrenda nji krasht mbjeler;me nate mbrambet e venjia potisnjia:nji dite u ngriti nji ere e çiati lule…
  • Carovana della memoria a San Marzano
    Il prossimo 12 settembre farà tappa a San Marzano la Carovana della memoria e della diversità linguistica, che è stata…

Usanze e costumi Arbereshe

Vota questo articolo
(1 Vota)

La Proloco Marciana si è sempre prodigata nel recupero delle tradizioni, nella promozione e nella salvaguardia del patrimonio culturale del territorio e della sua minoranza linguistica, arricchendo il bagaglio di conoscenze con una serie di interviste effettuate alla comunità arbereshe del comune di San Marzano, nel difficile tentativo di recuperare un numero incredibile di informazioni, riuscendo nel tentativo di stimolare i soggetti intervistati, al fine di raccontare episodi, usi, costumi, ricordi indelebili, capaci talvolta di riportare indietro nel tempo lo spettatore.

Nelle interviste che seguono, tratte da incontri privati grazie alle gentile collaborazione e partecipazione della popolazione, emergono importanti aspetti e sfumature di una vita rurale e contadina, con la preziosa complicità degli intervistatori. Dal coprifuoco ai giochi infantili, dai lavori artigianali alle ramanzine dei genitori, vasto è il repertorio degli argomenti. Le interviste seguono sempre il solito schema: si inizia con la lingua arbereshe per poi passare alla traduzione in italiano. Da una prima serie di interventi, ci si accorge di come sia difficile a volte vincere l’emozione della videocamera e soprattutto spesso accade che le  lingue si sovrappongano, ovvero alcuni discorsi tendono spesso ad essere completati in dialetto piuttosto che in lingua arbereshe. Dopo l’imbarazzo iniziale, il gruppo di massaie si scatena e viene facile raccontare alcune prime esperienze di vita come i giochi di una volta.

Il tema dominante di alcuni racconti è spesso la guerra, la fame e la dura vita dei campi: ricordi di un epoca che difficilmente chi li ha vissuti, potrà mai dimenticarli. Qui di seguito un importante storia vissuta di una anziana signora che ricorda alcuni momenti di quando era una semplice contadinella ma che viene messa a conoscenza di come sia difficile la vita nei campi e a tempo stesso la vita militare. Ancora ricordi. Qui il protagonista è il lavoro presso la fornace. Viene non solo spiegato come si lavorava la farina nel laboratorio artigianale di famiglia ma soprattutto il video mostra la “creazione” del pane, uno dei prodotti simbolo delle popolazioni contadine, perché ritenuto un prodotto tanto sacro quanto prezioso dalle popolazioni locali, oggetto di devozione e spesso di sacrificio. A concludere il primo incontro ci pensano i dolci di un tempo: i fichi secchi erano  i protagonisti di un passatempo notturno, unica leccornia che i bambini più piccoli potevano permettersi. 

Letto 2179 volte