Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Feudi San Marzano
    La “Feudi di San Marzano” è solo l'ultima tappa di un cammino che parte da lontano. Nelle terre del primitivo,…
  • Festa di San Cosimo e Damiano
    La festa di San Cosimo si avvicina e per il prossimo 28 settembre 2014 e a San Marzano di San…
  • Lo stemma civico
    Negli anni della dittatura fascista, gran parte dei comuni della nazione vennero sollecitati dal governo centrale a rettificare i propri…
  • Il paesaggio di San Marzano
    In origine il territorio del comune di San Marzano costituiva il limite occidentale della Foresta Oritana ( ager uritanus) che…

Premio leggere lib(e)ri

Chiesa San Carlo Borromeo

Vota questo articolo
(4 Voti)

L'attuale chiesa è stata edificata probabilmente nel XVIII e venne dedicata a San Carlo Borromeo in segno di grande devozione per un uomo che si era dimostrato grande benefattore per la comunità sanmarzanese  ( vedasi l’ iscrizione su una lapide all’ interno della chiesa).

Presenta una struttura lunga, ripartita in tre navate da agili colonne che poggiano su plinti. La volta dell'aula è piana, mentre il presbiterio è ricoperto da una cupola. Ha subito notevoli restauri nel corso del XX secolo tra cui la costruzione ex novo dell'altare maggiore in asse con l'ingresso  nel  1978 e, precedentemente, nel 1928, il campanile originario ( dalla forgia tipicamente orientale) fu innalzato del doppio, mentre nel 1939 vennero abbattute le cinque guglie della facciata. La chiesa di S. Carlo Borromeo fu edificata su una parte dell’ area precedentemente occupata dalla chiesa che  andava sotto il titolo di Santa Venera ( il cui culto era tipicamente orientale).

Si ricava una descrizione dell’ edificio da una nota redatta dal Calvelli in relazione alla visita del Brancaccio nel 1578 a San Marzano: “ la chiesa era distinta da due archi, il capo altare era sotto una certa lamia, elevato sopra tre scalini; su del quale esisteva un tabernacolo dove si conservava il SS Sacramento in pane fermentato in certa pisside…all’ uso greco….”

Letto 599306 volte