Sagre ed eventi
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Delegazione a Scutari

Vota questo articolo
(0 Voti)

In altra parte del Giornale (Giornale di Sava ndr) v’è la esauriente descrizione del giovane amico prof. Luca Micelli , impegnato nell’Azione Cattolica,relativa alla recente visita a Scutari della delegazione di S.Marzano ; cui fortuitamente e con piacere ci  aggreghiamo  io e mia moglie.

E’ la sesta volta che vado in Albania e sempre con molta emozione. Più invecchio e più sento forte il richiamo delle radici : quelle vicine  verso il mio paese e quelle lontane dei nostri avi  verso  la loro  antica Patria. Donde  il desiderio di arricchire la descrizione di Luca con un approccio laico a questa nuova esperienza ; nella maggiore sintesi possibile ,senza  retorica e limitatamente ad alcuni aspetti di essa per non rischiare  un doppione.
Scesi dall’aereo, siamo  colpiti dallo splendore dell’aeroporto ; saliti sulle auto inviate a prelevarci dall’Arcivescovo Massafra, ci inoltriamo su una arteria ampia e costeggiata da lussuosi alberghi e negozi.  Che differenza con il viaggio del 1992,  quando restammo per 24 ore  sulla nave in porto a Valona , a causa del mare agitato e della assoluta mancanza di strutture,che non consentivano la discesa delle auto
 Così come la comoda strada che percorriamo l’indopodomani per salire al Castello di Skanderbeg a Cruja  e  le numerose nuove costruzioni rallegrano l’occhio e lo spirito  e ci ripagano della angoscia e del terrore che ci colsero  nel  2006, quando per la prima volta ci arrampicammo lassù.
Il villaggio della Caritas che ci ospita è un’oasi di pace. L’accoglienza dell’Arcivescovo Massafra, del Segretario don Vincenzo, dell’autista Pal e di tutti i collaboratori è commovente.
Quando l’indomani ci accompagnano al villaggio  Vinoteka per l’inaugurazione della nuova Chiesa, mi rendo conto che la vecchia Albania, quella dei poveri contadini dei villaggi  non è stata toccata minimamente dal progresso, a distanza di venti anni. Lì tutti hanno bisogno di tutto.
Certamente è di gran conforto l’aria festante e gioiosa che si respira sul piazzale antistante la Chiesa gremito di gente. E’ bello ascoltare le voci chiare , ferme  e partecipi di Sacerdoti e Fedeli , in gran parte giovani,che recitano la liturgia, coinvolgendo tutti, anche chi come me è poco avvezzo a queste  cerimonie.
Ritornati all’aperto, è un continuo scambio di attenzioni, spesso a cenni a causa della lingua; o gran voglia di raccontare di sé da parte dei tanti religiosi italiani che vivono li .Un vecchio prete in pensione, che ha scontato 20 anni di carcere come tanti altri, che sembra un felice nonnino ;  Suor Gertrude di Acquaformosa (CS) ;  un Sacerdote di Bergamo che dopo 20 anni di Africa è venuto in Albania ; un altro Sacerdote che sta per partire per Cava dei Tirreni,suo paese nativo,ma solo per qualche giorno e quindi ritornare  Lo stesso pimpante ed instamcabile don Vincenzo che,restituito alla sua Calabria (Tropea) ,è tornato a Scutari per completare il difficile ed importante lavoro di ricerche per ricostruire le vicende dei tanti Sacerdoti e laici che hanno subito il bestiale rigore del Comunismo ,sino al martirio. Quanta  umanità ! Credo la migliore . Si viene colti da un inenarrabile coinvolgimento emotivo ; pari solo a quello della serata dei saluti , ospiti a cena dell’Arcivescovo nella sua casa. Tutti abbiamo voglia di parlare e forse più di tutti Monsignore. Gli argomenti più disparati,con voci che si sovrappongono e con malcelata commozione. Non so quante volte ricorre il riferimento alla sua “Monte la conca” !  In qualche modo  l’atmosfera è stemperata dalla partita di pallone trasmessa in TV.
Quindi un abbraccio a tutti e un arrivederci.
Tornati al villaggio, delegazione al completo e Sindaco in testa, concludiamo che il contributo raccolto a San Marzano è alquanto modesto,anche a causa della relativa organizzazione un po’ affrettata ;  la somma che  la delegazione  realizza in loco  aiuta alquanto. Ma certo occorre che si faccia di più, meglio e al più presto, anche per l’impegno che il Sindaco ha pubblicamente  assunto con le Autorità ecclesistiche e con i fedeli nel suo discorso. Il villaggio di Vinoteka e la Parrocchia di don Vittorio hanno urgente bisogno di aiuto. Perciò penso  che il Sindaco debba coinvolgere presto l’Amministrazione,la Parrocchia,la Pro Loco e quant’altri egli ritenga per realizzare al più presto concreti interventi.

Cosimo De Padova – Arberesh di San Marzano

Letto 59425 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.