Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Il paesaggio di San Marzano
    In origine il territorio del comune di San Marzano costituiva il limite occidentale della Foresta Oritana ( ager uritanus) che…
  • Feudi San Marzano
    La “Feudi di San Marzano” è solo l'ultima tappa di un cammino che parte da lontano. Nelle terre del primitivo,…
  • Festa di San Cosimo e Damiano
    La festa di San Cosimo si avvicina e per il prossimo 28 settembre 2014 e a San Marzano di San…
  • Origine del toponimo
    Le prime forme di insediamento nel territorio di San Marzano risalgono al II-I sec. a.C. , in particolare nella zona…

Premio leggere lib(e)ri

Il brigantaggio, fenomeno storico che ha avuto origine e sviluppo nel neonato “meridione italiano” già Regno delle due Sicilie, è documentato da un ricco archivio storico e storiografico, sia nelle anagrafi di vari comuni di Puglia, Campania, Basilicata e Calabria, sia nei rapporti del Regio esercito nazionale, ma soprattutto non è da sottovalutare un prezioso filone informativo costituito da appunti, annotazioni, diari, canti e balli popolari che oggigiorno dissetano la sete di informazioni e approfondimenti di molti studiosi, motivata dalla prossimità delle celebrazioni o “commemorazioni” del centocinquantenario dell’unità d’Italia.

Nell’animosa discussione sul difficile argomento del brigantaggio, si vuole riproporre una riflessione apparsa un paio di anni fa. Viene infatti riportata nelle righe che seguono l’intervento fatto da Cosimo De Padova, che sul Giornale di Sava n. 20 del 31-10-2008, rispondeva ad Emilio Piccione che nel numero precedente ( nr. 19 del 16.2010 del Giornale di Sava) aveva accusato i briganti di esser solo una massa di sbandati e fuorilegge.

Sabato 28 maggio 2011, presso la sala consiliare di Villa Castelli(Br) in Piazza Municipio, come ogni ultimo sabato del mese, l’Associazione “Settimana dei briganti - l’altra storia” ha organizzato il sabato brigantesco, con il convegno sul tema “Brigantaggio nell'alto Salento”. La Mission istituzionale dell’associazione è il revisionismo sulla storia dell’unità d’Italia e in particolare l’ analisi sotto una diversa lente storica il fenomeno del brigantaggio meridionale o resistenza antiunitaria, che negli anni immediatamente successivi alla proclamazione dell'unità, vide affiorare nelle popolazioni di tutto il Sud d'Italia.