Sagre ed eventi
Eventi in Puglia
Puglia Events

Lauro maschera Katundy

Vota questo articolo
(521 Voti)

E’ “lu Lauro” (o Djaulicchio se preferite) il protagonista e maschera tipica di San Marzano. A decretarlo è stato il concorso “Maschera Katundi” organizzato dall’ Ass. Pro Loco Marciana di San Marzano di San Giuseppe con il patrocinio dell'amministrazione comunale, conclusosi durante i festeggiamenti carnevaleschi di martedi grasso.

L’artista del bozzetto, Angelo Capuzzimati, noto autore e pittore locale, ha dato vita alla propria creatività  sfruttando una leggenda popolare per raffigurare un caratteristico personaggio locale: il Lauro, che altro non è che il classico folletto notturno, come ve ne sono diffusamente sparsi in tutte le regioni italiane, soprannominato appunto Lauro (o aùro in tarantino), da sempre personaggio abitante delle nostre storie di paura e di terrore, tramandate da generazioni in generazioni, dagli adulti ai bambini. Il lauro è quindi un personaggio che si è mantenuto vivo grazie alle credenze popolari, e deriva dal culto dei lari nella religione pagana – i lares appunto – creature protettrici del focolare domestico, che abitavano o infestavano le abitazioni, a seconda che fossero benevoli o dispettosi nei confronti degli inquilini.
Quanti di noi da piccoli non hanno almeno una volta sentito un racconto in cui faceva la sua comparsa il lauro, e non hanno tremato al pensiero di dover affrontare di  notte quell’essere dispettoso che strappava via di colpo le nostre coperte, che ci intrecciava e arruffava i capelli, che con i suoi dispetti notturni era a volte causa di incubi. Tutto ciò lo rende, per ovvi motivi, parte integrante della nostra storia popolare.
All’ artista Angelo Capuzzimati vanno le congratulazioni per aver vinto il concorso, ed aver con la sua puntuale raffigurazione cercato di racchiudere non soltanto il personaggio delle leggende, ma nell’esser riuscito ad arricchirlo con i colori e i sapori locali, con la forbice e il cesto pieno d’uva nelle mani verdi come le foglie di vite appunto, il colore del cappello simile al peperoncino (da qui l’appellativo di Djaulicchio) e la colorazione olivastra degli occhi.
Non è stato facile per il Lauro aggiudicarsi il titolo, anche perché il concorso “Maschera Katundi” comprendeva due diverse tipologie di votazioni che gli schizzi in formato A4 degli artisti, avrebbero dovuto superare: voto popolare e voto della giuria di qualità. Le due votazioni, confrontate e sommate tra di loro, avrebbero poi decretato il vincitore finale. Il Lauro non ha avuto rivali nell’aggiudicarsi il primo posto  nella giuria di qualità (dieci giurati ricercati tra artisti locali, professionisti, studiosi e professori d’arte degli istituti Comprensivi di San Marzano e Istituto d’arte di Grottaglie), lo stesso non si può dire nel computo della giuria popolare, dove è arrivato subito dietro ad altri bozzetti, molto ben realizzati dagli allievi dell’ Istituto comprensivo Casalini di San Marzano, a cui comunque vanno i complimenti dagli organizzatori. La giuria popolare ha alimentato con i suoi “click” il testa a testa tra le maschere “Mudù”, “Fisarmonica” e “Borsci Dance” che si sono contese la vittoria nella categoria popolare, senza però suscitare egual interesse nella giuria di qualità del concorso.
La maschera del Lauro è stata quella più apprezzata in generale, ottenendo la giusta consacrazione di maschera tipica del katundi.
L’Associazione di promozione turistica Pro Loco Marciana e tutti gli organizzatori e collaboratori, intendono ringraziare tutti i partecipanti del concorso, dagli artisti agli allievi delle scuole.
Finalmente anche la nostra comunità,  sarà dotata di un personaggio allegorico “mascotte” che potrà accompagnare le prossime edizioni del carnevale. Clicca qui per vedere gli altri bozzetti.

Letto 3483 volte