Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

Premio leggere lib(e)ri

Festeggiamenti 50 anni ordinazione Don Franco Venneri

Vota questo articolo
(0 Voti)

La parrocchia San Carlo Borromeo di San Marzano di S.G. festeggia il suo storico parroco, don Franco Venneri, nel 50° anniversario di ordinazione sacerdotale. Il parroco attuale, don Cosimo Rodia, insieme a tutta la Comunità parrocchiale ha pensato di dedicare la settimana dal 2 al 9 ottobre 2011 a momenti liturgici e artistico-culturali che rendano omaggio a questa figura così importante per tutta la comunità di San Marzano. Don Franco Venneri è nato a San Giorgio Jonico il 9 marzo 1934 e, dopo essersi formato nel Seminario Interdiocesano di Taranto e nel Pontificio Seminario Regionale di Molfetta (BA), è stato ordinato sacerdote il 16 luglio 1961 dall’allora Arcivescovo Metropolita di Taranto Mons. Guglielmo Motolese.

Dal  9 ottobre 1966, data in cui fu nominato amministratore parrocchiale e poi parroco (1 novembre 1966) della parrocchia San Carlo Borromeo in San Marzano di San Giuseppe (TA), ha ricoperto questa carica per ben quaranta anni, fin quando nel 2006 per motivi di salute è stato costretto a rassegnare le sue dimissioni da tale ufficio. Oggi, anche se non più parroco, continua ad essere un importante punto di riferimento per la comunità sammarzanese.

La sua figura è stata importantissima per il progresso culturale del comune di San Marzano, grazie all’entusiasmo del giovane sacerdote, che appena trentenne iniziò la formazione ecclesiale e teologica dei laici del paese. Ha sempre avuto a cuore la formazione dei catechisti, perché da li si doveva partire per una formazione globale delle famiglie e quindi dei bambini, giovani ed adulti. Fiore all’ occhiello della sua quarantennale attività è stata la fondazione della biblioteca parrocchiale San Carlo Borromeo, che attualmente conta circa dieci mila volumi. Diverse le varie opere parrocchiali da lui costruite, grazie all’apporto dell’intera comunità, come la creazione del centro pastorale S. Carlo Borromeo,  le strutture parrocchiali di via Pio XI in San Marzano di San Giuseppe, costruiti con tanti sacrifici soprattutto grazie al contributo personale di don Franco, frutto di tanti anni di insegnamento, e il ripristino del circolo Azione Cattolica, in grado di coinvolgere generazioni di giovani non solo attraverso la formazione specifica ma anche con attività ludico-sportive.  Grande poi il suo lavoro di ripristino e recupero del santuario rupestre Madonna delle Grazie, di cui è stato rettore dal 1975 al 2005, che al suo arrivo, risultava essere in condizioni misere e che con grande tenacia e forza ha riattivato, fino a renderlo un punto di riferimento spirituale non solo della Comunità di San Marzano ma anche dei paesi limitrofi. Ha svolto inoltre per 35 anni l’attività di docente di religione. La figura di don Franco è fortemente significativa sia per la Comunità civile che religiosa di San Marzano, e lo dimostra il fatto che è rimasto per sua scelta nello stesso paese di cui per quarant’anni è stato parroco: la sua abitazione è continuamente frequentata da adulti e giovani che ora per una confessione, ora per un colloquio, ora per un saluto non mancano di andarlo a trovare.

L’attuale parroco Don Cosimo Rodia, nel presentare questo grandioso evento per la comunità, ha ribadito come sia un momento forte per la Comunità parrocchiale e cittadina: “Siamo tutti chiamati a ringraziare e lodare Dio per aver donato a San Marzano, per ben quarant’anni, la figura di don Franco. Celebrare insieme il suo cinquantesimo anniversario di sacerdozio servirà anche da richiamo per tutti noi, a essere generosi con il Signore, a pregare per i sacerdoti e per le vocazioni, perché ci possano sempre essere santi operai della messe del Signore”. Il parroco e le varie associazioni e i diversi gruppi parrocchiali, invitano tutti a partecipare alle iniziative della settimana di festeggiamenti.

Letto 472813 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.