Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Festeggiamenti 50 anni ordinazione Don Franco Venneri
    La parrocchia San Carlo Borromeo di San Marzano di S.G. festeggia il suo storico parroco, don Franco Venneri, nel 50°…
  • Festa Madonna delle Grazie
    Il popolo dei fedeli di San Marzano, da sempre, è profondamente legato al culto della propria compratona : la Madonna…
  • Del brigantaggio meridionale
    Nell’animosa discussione sul difficile argomento del brigantaggio, si vuole riproporre una riflessione apparsa un paio di anni fa. Viene infatti…
  • Palazzo Casalini
    L’ area sula quale è ubicato l’ attuale Palazzo Marchesale, secondo il Farella, in origine era il Castrum Carrellum (…

Premio leggere lib(e)ri

Il paesaggio di San Marzano

Vota questo articolo
(1 Vota)

In origine il territorio del comune di San Marzano costituiva il limite occidentale della Foresta Oritana ( ager uritanus) che “ si estendeva su tutta la parte collinosa dell’ istmo che intercede tra la costa del mare ionio, marina di Nardò e quella dell’ Adriatico, marina di Lecce” ( Tanzi, 1911). Erano sicuramente diffuse specie vegetali sempreverdi  (come il Leccio, il corbezzolo, il lentisco, pungitopo, tamaro, smilace, caprifoglio, carrubo,alloro …) e  vaste praterie  alternate a macchie ( mirto, timo..).

La profonda antropizzazione dell’ ambiente  ha ovviamente trasformato il paesaggio  originario in un paesaggio di tipo agrario caratterizzato soprattutto  dalla coltivazione di  oliveti, vigneti e seminativi. Interrompono la monotonia del paesaggio piatto le cosiddette” lame “( solchi incisi nel terreno calcareo da antichi corsi d’ acqua; le più note sono la lama degli Amici e quella nei pressi del Santuario Madonna delle Grazie) ed  i “monti” ( lievi dossi ). E’ bello ancor oggi riscoprire nelle campagne  le tracce dell’originario paesaggio naturale nei “muretti a secco” ( che dividono le proprietà agrarie) e nelle costruzioni rurali dette “ pagghiari” realizzati con le “ specchie”  ( cumuli di pietre ricavati dai dissodamenti delle terre incolte) in cui resistono residui di vegetazione spontanea ( specie arbustive, arboree ed erbacee testimonianza  dell’ antica rigogliosa vegetazione).

Letto 1306 volte