Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Festa di San Giuseppe
    A San Marzano di S. G. la festa patronale è vissuta ancora oggi come un appuntamento corale importantissimo che si…
  • Brigantaggio dell'alto salento
    Sabato 28 maggio 2011, presso la sala consiliare di Villa Castelli(Br) in Piazza Municipio, come ogni ultimo sabato del mese,…
  • Chiesa dell' Addolorata
    Fu edificata con i lasciti dei coniugi Rosaria Cotugno e Pietro Greco con testamento del 1853. Presenta una struttura semplice,…
  • Il nostro territorio: tra cavalli e pagghiari
    Oggi, tra nuove tecnologie e ricerca affannosa di energie alternative, anche l’agricoltura e il paesaggio del nostro territorio rischiano di…

Premio leggere lib(e)ri


Nodi per l'animazione La proloco dal 2012 ha attivato un nodo per l'animazione imprenditoriale dei giovani


5 per mille Dona il 5 per mille all' Associazione per rendere possibile la promozione del territorio



Crediti formativi con la PLM Migliora il tuo punteggio a scuola con il volontariato



Sportello pro loco attivo presso infopoint in Via Taranto La nuova sede della Pro Loco presso i locali del Gal



Info point Gal  Segui le news dall'Info Point Gal

Pubblicato in Prima pagina

Foto%20mercatini%20natalizi

" target="_blank">Med Festival 2014

 

Foto torneo di Volley a 4 aspettando il MED

Alcune impressioni del primo torneo di volley in piazza Milite Ignoto

Galleria Presepe Vivente 2013/2014

Presepe Vivente nella gravina del Santuario Rupestre

MedFestival 2013 - IV edizione

Foto di B.DeCataldo, G. DiNoi, A.Lonoce

Pubblicato in Prima pagina

SAN PIETRO E IL CANTO DEL GALLO

La tradizione popolare racconta di questa parte del territorio ricco di pietre, da cui il nome di Petrosa e di S. Pietro. La derivazione sul nomignolo “Cantajaddu” non è molto chiara se fa riferimento all’ accostamento con San Pietro e al vangelo o alla presenza di un’antica masseria cosi denominata.

LA CONTRADA PRINCIPE

Una delle contrade più antiche e abitate, sicuramente la preferita per il passare la propria estate in campagna, lontano dal caos della città. La zona rurale e il paesaggio che si snoda è caratterizzato da strade a medio traffico e soprattutto è presente una forte presenza umana.

MUNT LA CONCA E MASSERIA GRAPPONE

La posizione dell’ area denominata Mont la Conca è contraddistinta da una fitta presenza di abitazioni ancora utilizzate, e antichi insediamenti ormai desueti. In alcuni vecchi ruderi si possono ancora trovare i vecchi numeri civici come su antichi pagghiari, vecchi magazzini per agricoltori e villani, che preferivano rimanere anche la notte a protezione del raccolto, piuttosto che tornare a casa in paese.

Quella che segue non è una semplice ricetta, non è il solito piatto che potete trovare anche su asettici e scopiazzati libri di cucina, ma è un racconto di vita del sud, perché simile a tanti spaccati e storie di noi meridionali.
Chi appartiene alla terra di Puglia, conosce o meglio avrà almeno una volta sentito il sapore delle fave cotte a purè.

Si narra che un tempo, in un luogo non meglio precisato, il leader politico dell’ opposizione di un paese alla deriva, avesse ormai perso la pazienza, e deciso a rimboccarsi le maniche per rimettere in moto il suo paese,  abbia organizzato una festa politica con i suoi galoppini e alleati politici, 

La seguente ricetta è nata in una fredda sera di Dicembre. Pare che in quella sera un tale abbia tirato una pizza in faccia ad un personaggio politico. Così  venne in mente la balorda idea di ricreare la pizzetta tirata, utilizzando come ingredienti  gli stessi  colori  di quella pizzetta:

Le prime forme di insediamento nel territorio di San Marzano risalgono al II-I sec. a.C. , in particolare nella zona prospiciente Casa Rossa a confine con il feudo di Sava, nei pressi di contrada Pezza Padula, dove furono rinvenuti alcuni resti dell’antica strada romana La Sallentina e nel 1974 dopo un’indagine ad opera di Cosimo D’Angela  furono ritrovati alcuni resti di una villa rustica di età imperiale. Da questi antefatti è nata la presente ricerca sul toponimo locale,  come vogliono alcuni studi recenti, i quali affermano che il toponimo Marzano derivi dal nome della gens romana Marcia, stanziatasi in queste terre al tempo dell’impero e che, possedendo dei praedia in questa zona, ha lasciato il proprio gentilizio.

Negli anni della dittatura fascista, gran parte dei comuni della nazione vennero sollecitati dal governo centrale a rettificare i propri stemmi civici  perché molti di questi risultavano essere diversi dagli originari. Nel 1931 il commissario prefettizio Lorenzo Annicchiarico, invitò il potestà di San Marzano a uniformarsi alle vigenti disposizioni di legge.

Pagina 3 di 6