Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

Premio leggere lib(e)ri

Sofficini alla tartaglia

Scritto da  Maria Clelia
Vota questo articolo
(0 Voti)

La seguente ricetta è nata in una fredda sera di Dicembre. Pare che in quella sera un tale abbia tirato una pizza in faccia ad un personaggio politico. Così  venne in mente la balorda idea di ricreare la pizzetta tirata, utilizzando come ingredienti  gli stessi  colori  di quella pizzetta:

il rosso  pomodoro(sangue che colava a fiumi dalla faccia del  politicante) e il bianco mozzarella(come la schiuma di certi personaggi televisivi nonchè anchorman nonchè conduttori di telegiornali). origano (verde coma la bile, di noiartri...). I neonati sofficini, così teneri, così croccanti, sono buoni, ma non proprio adatti ad essere lanciati in faccia. Provate  piuttosto a tirarvi delle statuette di gomma. Il risultato sarà molto più eclatante. Poi però non alzatevi sulla sedia per mostrarvi deliranti....

Ingredienti:  1 tazza di farina,
1 tazza di latte,
1 cucchiaio di burro,
un pizzico di sale,
1 albume (o un uovo intero),
pangrattato.

Per il Ripieno:
besciamella (meglio se fatta in casa), mozzarella, concentrato di pomodoro condito con olio, sale e origano, cubetti di prosciutto o wurstel, funghi, carciofi, … quello che vi suggerisce la fantasia!!

Procedimento:
Il procedimento per l’impasto è simile a quello dei bignè: far bollire il latte con il burro e il sale, appena bolle, buttarci dentro la farina, tutta insieme e girare molto energicamente con un cucchiaio di legno, finché non si forma una palla di pasta che si stacca dalla pentola (la pasta sarà un po’ dura e ci vuole un po’ di forza per mescolarla). Lasciate intiepidire sul piano di lavoro e quando avrà raggiunto una temperatura adatta lavoratela con le mani fino a che non diventa liscia e omogenea. Se risulta appiccicosa aggiungere altra farina. Avvolgere in pellicola per alimenti e lasciare freddare completamente.
Una volta raffreddata stendete la pasta in una sfoglia piuttosto sottile, semitrasparente (evitare di lasciare l’impasto spesso: il gusto e la consistenza ne risentirebbero!), potete anche lavorare “una pallina” di pasta alla volta, aiutarvi con una nonna papera o con due fogli di carta da forno qualora la pasta si appiccicasse al mattarello.
Tagliare dei cerchi con un coppapasta o una ciotola (se lavorate una pallina di pasta alla volta non è necessario!) e disponete al centro un cucchiaio di besciamella in cui avrete mischiato la mozzarella, e il condimento che preferite (pomodoro, prosciutto e funghi, …). Richiudete come se fosse un panzerotto e sifillate con una rotella tagliapasta o con una forchetta.
Non spaventatevi se si formano dei buchetti: potete rattopparli con avanzi di pasta prima dell’impanatura.
Quando avrete formato tutti i sofficini passateli prima nell’uovo e poi nel pangrattato (una sola volta, una panatura spessa non si addice!).  Potete cuocerli al forno, nel micro con modalità crisp, e ovviamente friggerli. Possono essere congelati (meglio da crudi)!

Letto 3144 volte
Altro in questa categoria: Polpette "rosse" »

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.