Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Comignoli arbereshe
    Le abitazioni arbëreshë hanno una pianta quadrangolare irregolare con la volta a crociera, sono semplici e rispetto alle abitazioni dei…
  • Festeggiamenti 50 anni ordinazione Don Franco Venneri
    La parrocchia San Carlo Borromeo di San Marzano di S.G. festeggia il suo storico parroco, don Franco Venneri, nel 50°…
  • Chiesa San Carlo Borromeo
    L'attuale chiesa è stata edificata probabilmente nel XVIII e venne dedicata a San Carlo Borromeo in segno di grande devozione…
  • Feudi San Marzano
    La “Feudi di San Marzano” è solo l'ultima tappa di un cammino che parte da lontano. Nelle terre del primitivo,…

Premio leggere lib(e)ri

In Auto:

Percorrendo l’ autostrada A14 Bari-Taranto. Uscire al casello di Massafra direzione Taranto. Dall' autostrada bisogna proseguire sulla SS100 - SS7 Massafra-Taranto, quindi svoltare per direzione Brindisi procedendo sulla superstrada Taranto-Grottaglie-Brindisi troncone SS7 e dopo circa 13 km di percorrenza uscire presso Grottaglie – direzione San Giorgio Jonico Z.I. Proseguire per il centro abitato di Grottaglie. Prendere direzione per San Marzano di San Giuseppe procedendo sulla Strada Provinciale SP 86. Dopo circa 11 km di percorrenza si arriva a destinazione.

In auto da direzione Lecce, si può utilizzare il troncone della SS7 Lecce-Brindisi-Taranto oppure raggiungere Manduria e proseguire direzione Sava/San Marzano di San Giuseppe.

In  Aereo:

L’ aeroporto più vicino è quello di Brindisi Papola Casale che dista in auto dal centro di San Marzano SG di circa 60-65 km. Una volta usciti dall' aeroporto direzionare verso Taranto. Percorrere la Statale Taranto- Brindisi. SS 7 per giungere al centro di S. Marzano. Dalla SS 7 prendere l'uscita Francavilla Fontana Est. Proseguendo nel centro abitato, prendere direzione per San Marzano SG. Dopo circa 10 km in linea retta si raggiunge il comune di San Marzano SG.

Dall’ aeroporto di Bari Karol Wojtyla che dista ca. 140 km da San Marzano. Usciti dall’ aeroporto bisogna proseguire su auto verso Bari su tangenziale di Bari e prendere la direzione Taranto-Brindisi all’uscita 11 B. Percorrere la SS100 in  direzione Taranto. Arrivati in prossimità di Taranto Zona industriale imboccare per direzione Brindisi la superstrada Brindisi-Grottaglie troncone SS7 e dopo circa 13 km di percorso uscire presso Grottaglie – direzione San Giorgio Jonico Z.I. Proseguire per il centro abitato di Grottaglie. Prendere direzione per San Marzano di San Giuseppe procedendo per la S.P. 86. Dopo circa 11 km di perocorrenza si arriva al centro di San Marzano di S.G.

Dall’ aeroporto si può procedere anche su Autostrada percorrendo l’ autostrada A14 direzione Taranto. All’uscita dal casello Massafra seguire il percorso indicato con auto.

Dall’ aeroporto si può procedere anche su navetta amtab direzione Piazza stazione in Bari. Da Bari Largo Ciaia prendere autobus linea Ferrovie Sud Est per Taranto.

In treno

Le ferrovie dello stato e le ferrovie regionali no sostano a San Marzano di SG. non essendoci stazioni in paese. La Stazione più vicina è a Grottaglie. Dalla Stazione proseguire in auto o taxi come indicato in percorso con auto.

La stazione più importante per il Comune di San Marzano è la stazione di Taranto presso Stazione centrale in Taranto Croce. Dalla stazione prendere taxi e seguire indicazioni per Brindisi. Una volta sulla SS 7 seguire indicazioni percorso con auto.

In taxi

Dalla stazione centrale FSE a Taranto è possibile prendere Taxi per arrivare a destinazione a San Marzano SG. percorso medio 31/ 33 km.

In Pullman

Diverse linee Sud Est partono sia da Lecce, sia da Bari, sia da Brindisi, sia da Taranto per arrivare a destinazione in diverse ore della giornata a San Marzano di San Giuseppe.

San Marzano di S. G.  con la sua popolazione di oltre 9000 abitanti è  il più grande Comune Arbëreshe del- l’Italia  ( in Puglia sono presenti soltanto altre due comunità arbëreshë nella prov. di Foggia: Casalvecchio  di Puglia e Chieuti). Sono trascorsi quasi 500 anni  da quando Demetrio Capuzzimati, nobile capitano  di Giorgio Skanderberg     ( eroe nazionale albanese morto nel 1468 dopo un’ eroica resistenza contro i turchi) per scampare alla sottomissione di Maometto II  si stabilì con alcune famiglie nobili albanesi a Taranto ed acquistò dalla Regia Corte, per 700 ducati, il Feudo di San Marzano. Era il 1530 e lo stesso anno ottenne in concessione anche il feudo Rizzi de li Riezi che fuso con il precedente formarono il feudo denominato San Marzano.

Pubblicato in Arbereshe

Presentazione del dizionario del prof. Gallo

La Pro loco Marciana il 30 luglio presenta le importanti opere realizzate dal prof. Gallo e Katundy ne Zembra

L’amore per le proprie origini, l’identità arbëreshe e la salvaguardia della nostra storia. Sono questi i sentimenti che hanno indotto la Pro Loco Marciana a dare visibilità alle importanti opere realizzate dall’ encomiabile prof. Giuseppe Gallo e dal gruppo locale Katundy Ne Zembra. Il prossimo 30 luglio presso lo splendido scenario del Santuario Madonna delle Grazie in San Marzano alle ore 20,00 la Pro Loco Marciana con la collaborazione del Comune di San Marzano e della Provincia di Taranto ha organizzato la presentazione del glossario “ L’Arberesh di San Marzano” scritto dal prof. Giuseppe Gallo e del secondo cd del gruppo Katundy Ne Zembra “ festa e  madhe”.

Pubblicato in Arbereshe

La Proloco Marciana si è sempre prodigata nel recupero delle tradizioni, nella promozione e nella salvaguardia del patrimonio culturale del territorio e della sua minoranza linguistica, arricchendo il bagaglio di conoscenze con una serie di interviste effettuate alla comunità arbereshe del comune di San Marzano, nel difficile tentativo di recuperare un numero incredibile di informazioni, riuscendo nel tentativo di stimolare i soggetti intervistati, al fine di raccontare episodi, usi, costumi, ricordi indelebili, capaci talvolta di riportare indietro nel tempo lo spettatore.

Pubblicato in Arbereshe

La minoranza linguistica albanese è riconosciuta e tutelata dalla Legge 482 della Repubblica Italiana. Si tratta di una variante linguistica che fa parte del Sistema Linguistico Albanese, parlato da circa 6 milioni di persone nel mondo, la metà delle quali risiedono in Albania, mentre il resto è costituito da comunità presenti in Kosovo, in Serbia, Macedonia, in Grecia, in Montenegro e anche in Italia, dove si contano circa 80.000 persone, capaci di parlare la variante albanese italiana, chiamata Arbëreshë oppure Arberesco. Si tratta di comunità linguistiche presenti attualmente nell’Italia centro-meridionale in Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia.

Pubblicato in Arbereshe

Il maestro Carmine De Padova, a cui San Marzano diede i natali nel lontano 1928, una volta laureatosi in pedagogia, iniziò l’insegnamento nelle scuole elementari nel suo stesso paese di nascita. Per circa trent’anni, quasi clandestinamente, contro il volere delle autorità scolastiche, ha tenuto lezione di lingua albanese e arbereshe prima nelle aule di scuola, e successivamente fu costretto a svolgere tale attività nella propria abitazione.

Pubblicato in Arbereshe

L'azienda vinicola Capuzzimati nasce nel 1962, fondata dal viticoltore Don Capuzzimati Cataldo. In origine l’azienda era capace di trasformare solo le uve della propria azienda agricola; successivamente dal 1974, dopo aver passato il testimone della gestione aziendale ai propri figli e nipoti, si trasforma la stessa cantina, che una volta ampliata risulterà in grado di seguire il processo di vinificazione e commercializzazione (imbottigliamento) del vino.

Pubblicato in Territorio - cantine

La “Feudi di San Marzano” è solo l'ultima tappa di un cammino che parte da lontano. Nelle terre del primitivo, nelle rosse terre dell’agro di San Marzano di san Giuseppe (Ta), ricche di piante a forma di alberello, il vino è una tradizione antica: gli antichi messapi già nelle antichità si occupano dei nostri vigneti con cura manuale. Per esprimere le eccellenti potenzialità qualitative dell'enologia pugliese con un progetto completo, nel 2003, due affermati attori del settore viti-vinicolo, le Cantine San Marzano e la Farnese Vini, hanno unito le proprie forze nell'ambizioso progetto di costituire un azienda leader in Puglia per la qualità dei suoi prodotti.

Pubblicato in Territorio - cantine

Il brigantaggio, fenomeno storico che ha avuto origine e sviluppo nel neonato “meridione italiano” già Regno delle due Sicilie, è documentato da un ricco archivio storico e storiografico, sia nelle anagrafi di vari comuni di Puglia, Campania, Basilicata e Calabria, sia nei rapporti del Regio esercito nazionale, ma soprattutto non è da sottovalutare un prezioso filone informativo costituito da appunti, annotazioni, diari, canti e balli popolari che oggigiorno dissetano la sete di informazioni e approfondimenti di molti studiosi, motivata dalla prossimità delle celebrazioni o “commemorazioni” del centocinquantenario dell’unità d’Italia.

Nell’animosa discussione sul difficile argomento del brigantaggio, si vuole riproporre una riflessione apparsa un paio di anni fa. Viene infatti riportata nelle righe che seguono l’intervento fatto da Cosimo De Padova, che sul Giornale di Sava n. 20 del 31-10-2008, rispondeva ad Emilio Piccione che nel numero precedente ( nr. 19 del 16.2010 del Giornale di Sava) aveva accusato i briganti di esser solo una massa di sbandati e fuorilegge.

Pagina 5 di 6