Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Lo stemma civico
    Negli anni della dittatura fascista, gran parte dei comuni della nazione vennero sollecitati dal governo centrale a rettificare i propri…
  • Il nostro territorio: tra cavalli e pagghiari
    Oggi, tra nuove tecnologie e ricerca affannosa di energie alternative, anche l’agricoltura e il paesaggio del nostro territorio rischiano di…
  • Fave e favolette
    Quella che segue non è una semplice ricetta, non è il solito piatto che potete trovare anche su asettici e…
  • Chiesa dell' Addolorata
    Fu edificata con i lasciti dei coniugi Rosaria Cotugno e Pietro Greco con testamento del 1853. Presenta una struttura semplice,…

Premio leggere lib(e)ri

Itinerario Principe

Vota questo articolo
(0 Voti)

LA CONTRADA PRINCIPE

Una delle contrade più antiche e abitate, sicuramente la preferita per il passare la propria estate in campagna, lontano dal caos della città. La zona rurale e il paesaggio che si snoda è caratterizzato da strade a medio traffico e soprattutto è presente una forte presenza umana.

L’asfalto e medio buono, ci sono tratturi asfaltati e strade in brecciolina, che comunque non presentano buche o tratti difficili, essendo per il 99 % del percorso pressocchè pianeggiante. La sua conformazione da la possibilità di addentrarsi in numerose stradine e di effettuare il tragitto anche con la pioggia. La lunghezza del percorso è lungo circa 20 km e prevede una flora pressoché composta da alberi di ulivo, pini, eucalipti e cipressi, mandorli e macchia mediterranea. Anche la fauna  è molto viva e presente, vi potrà succedere di incontrare serpenti e civette, pipistrelli e uccelli di varia tipologia, cosi come gazze ladre o falchetti. Folta la presenza di costruzioni antiche e moderne sui lati delle strade.

DOTAZIONE  E ATTREZZATURA CONSIGLIATA

mountain bike o city bike (possibilità di noleggio)
calzature alte e comode
sacca porta oggetti (possibilità di noleggio)
macchina fotografica
borraccia tracolla
occhiali da sole
faro posteriore catarifrangente per bicicletta
luce anteriore per bicicletta
casco protettivo (possibilità di noleggio)
giacca antipioggia e a vento
divisa catarifrangente (possibilità di noleggio)

LE ATTENZIONI E I DIVIETI

Viene proposto un percorso che offre la visita a diverse attrazioni del paesaggio come antiche masserie, antiche costruzioni rurali come i “Pagghiari”, o grandi depressioni o ambientazioni naturali come gravine o “tagghiate”, folti boschi o sottoboschi, uliveti o vigneti, “tappeti” e pozzi, facenti parte del nostro paesaggio.   
Nel viaggiare lungo il percorso viene fatto invito di osservare con la massima attenzione e rispetto per l’ambiente evitando l’abbandono di rifiuti, il disturbo a persone, animali, o possibili danni alla flora ed alle attrezzature realizzate lungo il percorso. Viene chiesto inoltre di osservare le indicazioni poste come segnali e tabelle ed a soffermarsi a leggere gli appositi pannelli che informano su valori storici, ambientali e delle emergenze architettoniche che si potranno incontrare lungo il percorso. Per le visite guidate presso agri, vigneti, uliveti, gravine, Masserie, case o qualsiasi altra costruzione serve sempre la presenza della guida. Viene inoltre richiesto di indossare la strumentazione adeguata e per i minorenni è obbligatorio viaggiare alla destra del proprio tutor. Nelle vie di percorrenza ad intenso traffico si prosegue sulla destra e con la massima cautela non recando disordine e intralci alla circolazione.

L’ITINERARIO E LE ATTRAZIONI

Il percorso prevede la partenza da Piazza Padre Pio. Si prosegue per un percorso di circa un chilometro nel centro abitato e nelle sue zone periferiche per poi addentrarsi nella campagna della contrada Principe.
Proseguendo si arriva, dopo aver superato una vecchia cantina e una vecchia masseria, nella vera e e propria Contrada Principe, oggi raggiunta dall’urbanizzazione. Proseguendo per percorsi asfaltati si arriva alla contrada Bosco, dove sarà possibile visitare il pagghiaro di Pizzichicchio, antico brigante del territorio.  Una volta raggiunto, si effettuerà una piccola sosta per ammirare un ambiente recuperato alla fruizione privata, ma che spesso viene utilizzato per la caccia alla selvaggina. Una delle caratteristiche tipiche del nostro territorio è il pascolo dei capi per le strade extracomunali, e quindi potrebbe capitare che nel corso del tragitto ci si imbatta in animali domestici per le vie di percorrenza. Il percorso da questo punto in poi prevede un misto di sterrato  e brecciolina, che dopo un lungo e impegnativo percorso arriva fino al punto ristoro, presso la  “Masseria Visciglie”. Una volta effettuata la sosta e la visita del punto ristoro, si riparte verso il punto di partenza, effettuando un percorso diverso rispetto all’ andata. Durata  media della ciclopasseggiata comprensiva di pausa e visita guidata 4 ore.

PUNTO RISTORO

La Masseria Visciglie presenta diversi animali e sezioni visitabili: sarà possibile visitare la porcilaia e l’allevamento ovino, il pollaio e la stalla. Nelle mattine di domenica non potrà mancare la degustazione delle ricotta fresca e del siero, oltre che varie tipologie di formaggi freschi e stagionati. Tutti i prodotti in questione sono realizzati da latte di pecora ed è sicuramente una novità il poter assaggiare il  prodotto direttamente in masseria piuttosto che nei banconi dei supermercati. A richiesta sarà possibile effettuare il pasto presso la Masseria. Dopo che sarà effettuato il rientro alla base di partenza.

VALUTAZIONE ITINERARIO

Asperità
Tortuosità ☻☻☻
Qualità manto stradale ☻☻☻☻
Lunghezza ☻☻☻☻
Attrazioni ☻☻☻
Ambiente ☻☻
Ristoro ☻☻☻
Media ☻☻☻

Per info e prenotazioni  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. , Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Letto 152163 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.