Gal Terre del Primitivo
Eventi in Puglia
Cantine San Marzano

Info territorio

  • Del brigantaggio meridionale
    Nell’animosa discussione sul difficile argomento del brigantaggio, si vuole riproporre una riflessione apparsa un paio di anni fa. Viene infatti…
  • Palazzo Casalini
    L’ area sula quale è ubicato l’ attuale Palazzo Marchesale, secondo il Farella, in origine era il Castrum Carrellum (…
  • Sofficini alla tartaglia
    La seguente ricetta è nata in una fredda sera di Dicembre. Pare che in quella sera un tale abbia tirato…
  • Comignoli arbereshe
    Le abitazioni arbëreshë hanno una pianta quadrangolare irregolare con la volta a crociera, sono semplici e rispetto alle abitazioni dei…

Premio leggere lib(e)ri

Festa Madonna delle Grazie

Vota questo articolo
(3 Voti)

Il popolo dei fedeli di San Marzano, da sempre, è profondamente legato al culto della propria compratona : la  Madonna  delle  Grazie.  Infatti, nell'appuntamento religioso dell' 1 e 2  luglio, l'intera  comunità,  ancor prima  di  far festa secondo  lo spirito popolare che la caratterizza, si raccoglie in preghiera per rinnovare la propria devozione alla Vergine Maria.

I  festeggiamenti  vengono  preceduti  dalla pia pratica dei  " 7 sabati " celebrati con preghiere, con pellegrinaggi e la comunione in grazia di Dio. Ogni sabato da Piazza  San Pio da  Pietrelcina  in  San Marzano, alcuni pellegrini  si radunano alle ore 18 per incamminarsi verso il Santuario animati da canti e preghiere. La novena in preparazione alla festa della Madonna delle Grazie inizia il 22 del mese di giugno e si conclude il 30. La  mattina  del  2  luglio,  come  ogni  anno,  alle  ore  5.00,  dalla  Chiesa Madre, ubicata in San Marzano,  i fedeli  partono in  processione per raggiungere, a piedi, il Santuario Rupestre della  Madonna  delle  Grazie distante circa tre chilometri e mezzo dal centro abitato e situato nella lama della contrada " Li Grutti " al confine con il territorio di Grottaglie.  Grandi e piccoli, ancora con il buio, seguono  poi  il  carro  trainato  da  un  cavallo  su  cui viene trasportata la statua della Madonna delle Grazie, opera del  '700 realizzata in cartapesta leccese e custodita nella Chiesa superiore del Santuario. A  valutare le  sempre più numerose presenze di fedeli provenienti da altri paesi limitrofi che la mattina del  2  luglio  si  uniscono in processione con la popolazione locale, si ha sempre più la sensazione di un ritorno all'antico,  in cui la venerazione per la Madonna delle Grazie, nella sua semplicità, continua ad essere sempre quella che ci hanno insegnato le nostre nonne e le nostre mamme.

Letto 67350 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.